midi inediti

Vai ai contenuti

Menu principale:

CONTENUTI MP5

INFORMO CHE SARANNO DA ME REALIZZATI I CONTENUTI  MP5

SARA' ANCHE POSSIBILE ORDINARE LE MIE INEDITE
IN  MP5

 

Quest'idea nasce da una profonda esperienza sulla creazione di basi musicali
in formato midi dopo aver attentamente valutato le mie capacità professionali
dopo anni di studio e quotidiano aggiornamento del fattore artistico e pratico,
perche' per realizzare un midi si necessita di una perfetta sintonia tra il bagaglio
culturale musicale ,la capacita' pratica di metterlo in opera e la delicatezza
nell'esecuzione a mano libera delle varie tracce che si andranno a comporre.

Ho iniziato ad affrontare questo mondo quando ancora non esistevano le poderose macchine
di adesso nè tantomeno le basi in GM, utilizzavo un ELKA 99, potevo registrare una traccia
dopo l'altra fino a un massimo di 99, non male...solo che potevo quantizzare la mia batteria
elettronica e dunque trasferirla sulla prima traccia dell'ELKA, ma poi dovevo registrare
tutto il resto a mano libera, non avevo possibilita' di quantizzazione.

Poi e' nato il famoso Atari e dunque successivamente i famosi floppy-disk hanno iniziato
a contenere le basi a 16 tracce della General Midi.

Per lavoro ho vissuto e lavorato in SudAmerica parecchi anni e li' ho avuto la fortuna di
conoscere Miguel, più giovane di me, autodidatta al piano ,amico fidato con il quale
l'amicizia e' andata oltre alle aspettative.Lui aveva capito la forma di creare i midi
con l'anima ma...non sapeva suonare...ecco che sono arrivato in gioco io, lui mi faceva
sapere le sue esperienze e i piccoli segreti, le varie "preparazioni" di cui abbisogna
una base prima di cominciare a "suonarla", i dosaggi di volume e le frequenze da utilizzare.

Il fatto di suonare poi tutti i giorni nei vari locali tutti i generi musicali ha insegnato
alla mia mano una esperienza che non si apprende certo in poco tempo.

Nascevano cosi' le prime basi musicali che utilizzavo per far cantare i clienti nella
stagione invernale "di quell'anno..." una volta ritornato in Italia.

Il "gioco" e' divenuto un lavoro, anche perche' non e' mai stato un gioco, ma mi piace chiamarlo
cosi', come lo chiamerebbe un bambino...un gioco innocente, profondo, capace di far parlare
il cuore...semplicemente ...suonando!!!

Paul

Torna ai contenuti | Torna al menu